Notizie dall’Italia

Già prima della partenza, mi ero detta che avrei tagliato i ponti con l’Italia.

Seguo vari blog di emigrati italiani, e quasi tutti si sono spostati per lavoro, in genere del coniuge, invece io me ne sono andata per lo schifo. Sissignori, non sopportavo più la vita in Italia. Mi deprimeva. La gente musona, i maleducati, le idiozie burocratiche, e i quotidiani nazionali che sembrano Lercio.

Tasse nuove ogni mese, ne tolgono una e ne creano un’altra con un nome diverso e con un bacino più ampio, e poi ti vogliono far credere di averle abbassate. Tasse da Svezia e servizi da paese del secondo mondo. Leggi e regolamenti strambi, e per assurdo sempre più in conflitto e intricati, alla faccia della semplificazione.

Ovviamente leggo ancora regolarmente il Corriere e anche La Repubblica, che somigliano sempre più inserti seri di Novella 3000 e Chi. E più volte al giorno. Ma solo perché mi annoio voglio male.

Salto a pié pari le notizie di politica perché è tutta fuffa senza un grammo di credibilità, e perché tanto non migliorerà niente. Ficcatevelo in testa e dedicate il vostro tempo ad altro. Probabilmente, se fossero giornali seri non li leggerei neanche: troppa negatività.

I pochi articoli di cronaca che scrivono sono plasmati dallo starnazzo del giornalista. “Tentato omicidio”, strilla il titolo, poi leggi l’articolo e scopri che era uno spintone. Insomma, notizie da bar che vengono ingigantite ogni volta che sono raccontate. E zero sostanza.

Articoli di 400 parole con almeno un paio di contraddizioni. “Il trentenne” che due righe dopo ne ha 36, nuovi e migliori servizi online che richiedono iscrizioni, trasmissione della fotocopia di 3 documenti, mezza piroetta in senso orario… e tanto poi c’è un bug di programmazione e non va una cippa.

Le notizie false, bufale, notizie vecchie riproposte periodicamente. Al Corriere piacciono tanto: come erano da piccole le star di Hollywood, i fratelli delle star di Hollywood, i litigi con la suocera delle star di Hollywood, le richieste strane delle rock star e delle dive del cinema, gli attori di Hollywood con l’alito cattivo o scarsa igiene, i film degli attori di Hollywood esordienti, le spiagge più belle d’italia, i record di pizze nel mondo,…

Odio il pressapochismo dei redattori, e la loro scarsa conoscenza della grammatica. Vi sarà capitato di leggere un articolo riguardante un settore che conoscente bene, e vi sarete resi conto che non c’era scritto niente, se non il nome, il luogo, e l’opinione del giornalista. E poi gli strafalcioni d’italiano. Si capisce che sono tutti stagisti. Una pena, sia per gli occhi che per il cuore.

Quindi, sono al corrente di cosa succede in Italia ma ritengo più attendibili le notizie che mi raccontano gli italiani rimasti in patria. E sono sempre uno schifo. Provo tanta rabbia per l’Italia, un paese bellissimo, se non fosse per i furbetti che l’hanno trasformata in un’italietta.

Annunci

5 pensieri su “Notizie dall’Italia

  1. Oh ma quanto hai pubblicato?! 😀
    Comunque la mia scoperta è stata quella che gli articolisti online sono diversi da quelli del cartaceo. A che pro, mi chiedo. Ma forse funziona allo stesso modo ovunque.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...