Barrios cerrados

Un barrio cerrado è un quartiere privato, quello che negli Stati Uniti chiamano gated community. In Argentina stanno spuntando come funghi in risposta all’insicurezza e alla violenza.

Si tratta di grandissimi appezzamenti di terreno in periferia su cui vengono costruite varie abitazioni, spesso con elementi paesaggistici artificiali come un lago o un bosco, o anche campi da golf, palestre, spa,… dove vivono le fasce più abbienti del Paese.

L’accesso ai barrios cerrados è riservato ai residenti e ai loro invitati, a differenza di alcune gated community di profilo medio degli Stati Uniti dove l’accesso non è controllato. Qui sono nati per gli straricchi e ne stanno sorgendo anche per i meno-ricchi.

Visto l’elevato numero di sequestri di persona in Argentina, in alcuni barrios cerrados fanno aprire il bagagliaio dell’auto quando si entra/esce dal quartiere. E comunque i furti avvengono anche lì, con la complicità del personale di vigilanza (benvenuti in Argentina!). Così mi hanno raccontato.

9519054230656798557266910714314853261802101451198765891820570952217814459160.jpg
L’ingresso a un barrio cerrado

Nella zona a nord di Buenos Aires e vicino al Delta del Tigre, molti personaggi famosi dello sport e della TV hanno la loro casa in un barrio cerrado prestigioso chiamato Nordelta. Io non ci sono mai stata, mi sono limitata a guardare alcune foto sulla rivista Gente (come quella italiana, solo in versione locale) dove vari VIP nazionali aprivano le porte delle loro mansion.

maxresdefault.jpg

n_f18993.jpg
Il barrio cerrado di Nordelta
Realizan-un-operativo-en-Nordelta-por-presunto-lavado-de-dinero.jpg
A Nordelta c’è anche l’eliporto e molte ville hanno un molo privato

Non tutti i barrios cerrados sono per VIP: ci sono anche quelli per comuni mortali con i condomini, ma preparatevi a pagare un minimo di €1000/mese di affitto, a cui dovrete aggiungere le spese per vigilanza, manutenzione delle aree verdi, illuminazione comune, ecc.

Diversi expat statunitensi scelgono di vivere in un barrio cerrado perché gli ricorda casa e i bambini possono giocare all’aperto; uno degli svantaggi è che ci si trova a vivere a svariati km dal centro di Buenos Aires (a occhio e croce, almeno 40). L’auto è d’obbligo!

Nelle vicinanza di questi barrios cerrados sorgono vari centri commerciali in stile americano: grande spiazzo su cui si affacciano gli edifici squadrati di Walmart, Starbucks’, negozi monomarca di abbigliamento, ristoranti all’americana come il Kansas.

 

kansas3p.jpg
Al Kansas, per Thanksgiving servono stuffed turkey, mashed potatoes, with gravy and cranberry sauce

Con questo è tutto; volevo solo raccontarvi un altro modo di vivere in Argentina, quello di chi vorrebbe essere a Miami.

 

Annunci

4 pensieri su “Barrios cerrados

    1. In genere quelli venuti qui per lavoro, perché trasferiti da multinazionali, cercano di limitare il cambiamento il più possibile e passano da una casa-stampino all’altra. Non credo interessi loro sperimentare il paese in cui vivono, se non per le vacanze. E anche quando vanno in vacanza vanno sempre in alberghi americani (tipo Hilton, Marriott, Belmond) per minimizzare le differenze anche tra una vacanza e l’altra. Magari chi è costretto per lavoro a spostarsi tanto non ha tutto questo interesse per il “diverso”. Alcuni sono ovviamente bifolchi con un grande portafoglio, e concepiscono solo un modo di vivere: il loro. Credo siano una minoranza.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...