La pubblicità

La pubblicità, è noto, è l’anima del commercio. Approfittando del fatto che LA città balneare per antonomasia dell’intero paese è Mar del Plata, durante l’alta stagione turisti e pubblicità invadono la Costa.

Tutto il giorno, camion che ospitano cartelloni pubblicitari giganti percorrono, lentissimi, la principali vie della città, il lungo mare, le piazze.

IMG_7726.JPG

Nel cielo volano aeroplani con striscioni pubblicitari: farmaci, banche e spettacoli sono i più pubblicizzati. Gli striscioni sono di vari tipi, e purtroppo il mio cellulare non mi consente di farveli vedere in dettaglio perché sembrano mosche nel cielo a vedere le foto. Ci sono gli striscioni colorati piani, gli striscioni a V che in realtà sono due, gli striscioni che sono in realtà reticelle su cui sono infilate le lettere per comporre scritte con il nome dello spettacolo del giorno. Dato lo spazio limitato, sembrano telegrammi e io mi diverto a decifrarli.

FullSizeRender.jpg
Pubblicità Anaflex Plus – Ehm?!

Lungo gli accessi agli stabilimenti balneari e alle spiagge pubbliche ci sono promoter che distribuiscono campioni gratuiti e omaggi (cosa abbastanza rara in Argentina, giacché nei supermercati quasi non si vedono). Fino ad ora abbiamo ricevuto in regalo: un parasole di una marca di cibo per animali, un frisbee (sempre della stessa azienda), un campione omaggio di yerba mate (l’erba per il mate), vari campioni omaggio di shampoo e balsamo, sconti per il circo, omaggi per discoteche.

Un’altra cosa che non manca di sorprendermi ogni volta, è la varietà di marche che si incontrano fuori da Buenos Aires. Sono sempre più dell’idea che Buenos Aires sia praticamente monopolizzata nella grande distribuzione: sempre le stesse marche di prodotti, come se in un paese di 40 milioni di abitanti potessero esserci solo quattro marche di salsa di pomodoro! Per fortuna qui esistono la yerba mate e il vino di Don Bosco, nonché altre marche di dulce de leche, che acquistiamo, saggiamo e critichiamo minuziosamente (è uno sporco lavoro, ma qualcuno dovrà pur farlo).

IMG_7733.JPG

 

In tal senso, ho una piccola confessione da farvi: ebbene sì, mangio anche io il dulce de leche. E non solo: ho anche le mie marche preferite; segno, questo, che sono proprio localizzata. Anni e anni di resistenza al nettare degli argentini, ma alla fine ho ceduto, proprio mentre da questa parte dell’oceano hanno creato un ibrido tra il dulce de leche e la nutella: il dulce de leche alle nocciole.

L’ho comprato ma non l’ho ancora provato, lo guardo e non so se ammirarlo o temerlo: servirà per la transizione dal dulce de leche alla nutella o viceversa? C’è il rischio che dall’Uruguay venga esportato in Italia? Il dulce de leche invaderà lo stivale? Guardate bene al supermercato, nella corsia dei prodotti importati: probabilmente già c’è un barattolo di dulce de leche, magari di produzione spagnola. È lì, infido, che aspetta di essere comprato e portato a casa. Attenzione, perché potrebbe piacervi.

dulce-de-leche-tradicional-avellanas-thumb

Nonostante questo cambio di rotta, resto ancora critica dell’invasione del dulce de leche nella cucina argentina. Mi piace, ma non significa che lo voglia vedere in tutti i dolci. Ordini una porzione di millefoglie, e ti arriva senza crema pasticcera, rimpiazzata dal DDL. Vai a prendere le facturas, chiedi quella con il cioccolato e quando la tagli a metà scopri che il cioccolato è solo sopra, dentro è ripiena di dulce de leche. Esci a cena e nel menù dei waffles le opzioni sono queste:

IMG_7745.JPG
Ma basta con ‘sto DDL!

 

Annunci

4 pensieri su “La pubblicità

  1. mi ha fatto troppo ridere l’articolo. Io sono un amante dei dolci e del ddl e pure a me ha stufato trovarlo in TUTTI i dolci. La mancanza di crema pasticcera e cacao è una mancanza enorme e solo la ricotta e qualche frutta sembra darmi un po di respiro

    Liked by 1 persona

    1. Il piattume della cucina argentina è una cosa sconsolante. E dire che al nord e al sud i buoni piatti non mancano. È proprio Buenos Aires che è la capitale del cibo spazzatura.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...