Pasqua

Mi sorprende ancora dopo anni la quantità di giorni festivi in questo Paese. L’anno scorso avevo trovato un calendario *.cal da caricare sul cellulare in modo da avere un elenco delle festività locali e di potermi preparare in anticipo. Ci sono settimane che tutto sembra normale, poi un giorno esci di casa in piena settimana e ti ritrovi a camminare per le strade deserte, come qualche venerdì fa. Ho pensato fosse scoppiata le guerra civile e ho avuto paura. Invece era semplicemente il Día Nacional de la Memoria por la Verdad y la Justicia, ossia la giornata in cui si ricordano i desaparecidos. Che ignorante!

In mia difesa posso almeno contare sul fatto che qui i giorni festivi sono mobili, ossia si agganciano al fine settimana, e a seconda del calendario possono cadere un anno in una settimana e un anno nell’altra, per cui non è come dire “Ah, è il 2 giugno, quindi è festa!”. No, uno deve pensare “Di che giorno cade il 2 giugno quest’anno? Di martedì? Allora quest’anno si sta a casa il 1 giugno”. Abbastanza complicato.

Per quanto cattolico, questo Paese funziona su calendario cattolico diverso. Ad esempio il giorno 26 dicembre, Santo Stefano, non è festivo e neppure il 6 gennaio (Epifania). Anche Pasquetta non si festeggia. Mentalmente stavo pensando di scrivere un post intitolato “Ma lo sapete che la Pasqua non è poi così importante in Argentina?” ma per foruna non ho avuto tempo perché ieri mattina sono uscita di casa e ho avuto un deja vù: metà dei negozi chiusi, pochi treni, traffico da sabato mattina. Era giovedì santo. Cui segue venerdì santo. Poi, ovviamente, c’è il sabato e infine si arriva a domenica, Pasqua. QUATTRO GIORNI festivi per Pasqua. Roba che neanche a Natale…

La rosca

Dunque cosa si fa a Pasqua in Argentina? Si mangia la rosca de Pascua, ossia questa ciambella con canditi e glassa sopra. È un dolce di origine galiziana.

41a235b6e8dc3ae2c481164edf5342be

Io, che non l’avevo mai mangiata, stamattina sono andata in panetteria decisa a comprarla. Arrivo e la commessa mi dice “Vuoi quella tradizionale o quella con cioccolato e dulce de leche?!“.

mediacritica_fantozzi_scritti1-650x250

17951652_10154555893164639_3354071974865179338_n.jpg

Già sapete la risposta.

Empanadas de vigilia

Gli argentini non amano/sanno cucinare, già lo sapete, e non fanno eccezione di certo per Pasqua. Si sono inventati questa cosa delle empanadas de vigilia, ossia le empanadas con i ripieni a base di pesce (polipo, merluzzo, sgombro, tonno), più le solite con le verdure, ‘che nella settimana Santa non bisognerebbe mangiare carne. Le panetterie sfoggiano lavagnette e cartelli che invitano a prenotarle con anticipo: con soli 4 giorni di ferie volete mica che si mettano pure a sfornellare!

archi_115988

Uova di cioccolato

Come in Italia, ma (molto) più care e con un cioccolato di qualità molto scarsa.


L’anno scorso ho fatto la pastiera. Non a Pasqua, giacché non ho trovato il grano se non dopo diverse settimane, ho dovuto trovare il coraggio di mettermi lì a farla e cercare in vano l’aroma di fiori d’arancio, che è un affare complicato la pastiera, più tre giorni d’ammollo per il grano, mezza giornata per farla e il riposo di almeno un giorno (in realtà andrebbe fatta riposare di più ma come si fa?!). Insomma, ho fatto la pastiera per la Pentecoste, praticamente. Almeno è piaciuta.

Annunci

8 pensieri su “Pasqua

    1. Non oso andare a cercare come è la versione tradizionale, sapendo quanto stravolgono le ricette qui. Questa qui farcita di dulce de leche e coperta di cioccolato mi è sembrata fritta, come un grande bombolone/ciambella. Eppure la Rosca tradizionale non mi era sembrato un dolce fritto. Devo ancora provarla!

      Liked by 1 persona

  1. La rosca… Vista dalla foto credo vada mandata giù con un’abbondante dose di limoncello (o di idraulico liquido). La capacità argentina di stravolgere (e assassinare) le versioni originali delle ricette è quasi commovente. Che poi alla fine non è che siano cattive. È che sono proprio un’altra cosa.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...