Matellica

I fan dei Metallica se la devono stare vedendo davvero brutta. Abituati alle discussioni su se è peggio Load o Reload, i poveri fan sono passati attraverso un documentario dove i loro idoli hanno praticamente ammesso di essere stati una banda di ubriachi balenghi per anni, con zero talento creativo e che neanche vanno d’accordo, dediti a pippare e scopazzare come se non ci fosse una domani. Il documentario ci mostra la dura realtà dei war lord (parole testuali di Hetfield) dietro le quinte:  nonostante il successo planetario qualcuno li costringe in studio (con uno psicoterapeuta) perché la vacca è mungibile finché respira e bisogna trovare il modo di fargli fare il latte anche se è vecchia!

Il documentario in questione è disponibile su Netflix, ma se non foste abbonati vi lascio con il trailer di Some Kind of Monster (2008):

Disclaimer: Il documentario secondo me merita di essere visto perché è molto onesto, ma non riuscirete più a guardare i Metallica con gli stessi occhi.

Come se non bastasse, nel 2017 hanno pure aggiunto un sequel di 20 minuti dove i nostri sono stempiati, con la calvizie e ormai brizzolati. Anche questo lo trovate su Netflix.

I Metallica quando io guardavo l’Ape Maia Vs. i Metallica nel 2017

Passiamo al 2018. I Metallica si esibiscono a Torino e decidono di omaggiare ‘il grande’ Vasco Rossi, che ci aveva fatto il favore di ritirarsi dalle scene. Ma perché?! Sempre più Pooh. 

 

Ma aspettate a mettere via i fazzoletti, vi manca ancora l’ultimo cimelio. Per chi non lo sapesse, Jame Hetfield è sposato con un’argentina di Rosario, che era la sua costumista durante il Black Album, e hanno tre figli. Sì, è sempre la stessa che si vede nel documentario dove lui dice di andare in rehab perché la sera esce, si ubriaca e la mattina si sveglia nel letto insieme a qualcuno che non sa chi è. Apperò!

 

Sarà stata una punizione della moglie portarlo in vacanza a Punta del Este (Uruguay), una sorta di Forte dei Marmi locale dove vanno i VIP a farsi vedere. Ma era solo il 2011…

hestfield

La redenzione — e la pace coniugale — sembrano arrivare nel 2016, quando Hetfield confessa di ascoltare Ricky Martin e di adorare Adele, al punto di esibirsi pubblicamente suonando la canzone Crazy for you della cantante britannica, cantata da sua figlia Cali (almeno quello, cazzo!), durante un concerto di beneficenza.

Aspettate a chiudere questo post…  Sempre nel 2016 lo vediamo (costretto?) a girare una scena in cui beve il mate. Minuto 2:30 di Atlas, Rise! (2016). Tenetevi forti, io vi ho avvertiti!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...