Tempo di elezioni

Dal momento che qui siamo in pieno periodo elettorale e che qualcuno dei miei lettori me lo ha fatto notare perché ne parlano anche in Italia e io non ho scritto niente, spenderò due righe tenendo conto che:

  1. Non avendo la cittadinanza non posso votare nelle elezioni nazionali
  2. Non soddisfacendo il requisito di residenza (2 anni) non ho neanche potuto votare alle locali
  3. Non ho mai avuto un grande interesse per la politica né creduto di poter cambiare il mondo (salvo una breve parentesi in 4a liceo, prontamente chiusasi alla prima autogestione a cui ho partecipato)

Vi linko qualche articolo del giornalista Omero Ciai che spiega la situazione (Adios Kirchner) e che parla del candidato favorito, allineato con la presidenta uscente Cristina Fernandez de Kirchner (CFK) (Argentina, Daniel Scioli l’erede sgradito dei Kirchner (Repubblica, 20 ottobre 2015).

Qui funziona così:

  • Innanzitutto si comincia con le primarie, pagate dallo stato (novità introdotta da CFK). Servono a decidere quale sarà il candidato di punta a correre per la Presidenza della Nazione per ciascun partito.
  • Quindi ci sono le elezioni nazionali, questo anno tenutesi il 25 ottobre. Per vincere, il candidato con maggiori voti deve ottenere almeno il 40% e staccare il secondo di almeno 10 punti, oppure ottenere almeno il 45% dei voti. In caso contrario si va al ballottaggio.
  • Il ballottaggio si terrà il 24 novembre tra Scioli (candidato del governo uscente, peronista e populista, ha ottenuto poco più del 36% dei voti) e Macri (candidato dell’opposizione, liberale, ha ottenuto poco più del 34% dei voti).
  • Chi vince il ballottaggio (anche solo per un voto) sarà il nuovo presidente della repubblica per i prossimi 4 anni e si insedierà il 1° gennaio 2016.

Primarie-argentine

Sopra: Mauricio Macri (centro-destra) e Daniel Scioli (peronista)

  • Il presidente può essere rieletto consecutivamente solo una volta, ma non c’è limite al numero di rielezioni successive.
  • L’attuale presidenta Cristina è alla fine del secondo mandato, ed è la moglie del precedente presidente Nestor Kirchner, che resse solo per un mandato presidenziale e poi si dedicò alla Unasur (non senza prima aver fatto eleggere la moglie), ma morì dopo vari problemi di salute (esiste una minore corrente complottista che incolpa la moglie della sua morte)
  • Cristina e Nestor hanno avuto un figlio, Maximo, che non è stato candidato alla presidenza solo perché Scioli è meglio accolto dal pubblico. L’hanno capito anche i polli (ed io) che questo Scioli è solo uno che deve tenere in caldo la poltrona per Maximo Kirchner o per il ritorno di Cristina. Maximo è stato però eletto deputato, così come anche la sorella del defunto Nestor, Alicia Kirchner. Affari di famiglia.
Annunci

7 pensieri su “Tempo di elezioni

    1. Secondo me l’elettorato si divide tra quelli che sanno di voler votare Scioli e quelli che sanno di non voler votare Scioli. Il terzo candidato, Massa (21%), si è schierato contro Scioli… la tensione e la trepidazione per il ballottaggio sono palpabili!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...